"GILIANA L'ASINELLA DELL'IMMACOLATA "

scritto da Alessandro Massobrio a cura della "ASSOCIAZIONE AMICI DI PADRE RASCHI"

casella postale 83675 AG. 36 - 16143 Genova
Realizzazione e stampa: B. N. Marconi Srl - Genova
EDIZIONI D'ARTE MARCONI - N° 89
Finito di stampare nel mese di Giugno 2005

Prezzo unitario € 18.00
in vendita nelle migliori librerie

CHI NON LO TROVASSE NELLE LIBRERIE E LO DESIDERA, PUO' SCRIVERE ALL'ASSOCIAZIONE E RICHIEDERLO TRAMITE LE E-MAIL:

francesca.maria1947@libero.it
amicidipadreraschi@poste.it

pagamento:
- a mezzo CCP 36563062 intestato all' "ASSOCIAZIONE AMICI DI PADRE RASCHI" casella postale 83675 AG. 36 - 16143 Genova
- in contrassegno

PRESENTAZIONE

Non è stato facile scriverla ma ora credo che sia difficile dimenticarla. Questa prima biografia di Giliana Faglia è il frutto, infatti, di un lungo lavoro di ricerca, fatto di interviste, confidenze di testimoni, qualche pagina di Padre Raschi, pochissime di Giliana, la quale preferiva affidarsi alla trasmissione orale del pensiero piuttosto che alla sua elaborazione scritta.

Alessandro Massobrio ha dovuto così ricostruire la personalità della veggente senza aver a disposizione nessun testo precedente che gli potesse in qualche modo fare da guida. Ne è derivato il carattere del libro, che si presenta non tanto come una biografia ufficiale quanto piuttosto come un album di ricordi, nel quale, al posto delle foto ingiallite, compaiono i flash - back di un passato più o meno remoto.

Momenti lieti, meno lieti, tristi, frammenti di speranze, incontri decisivi, rapporti con il soprannaturale e con coloro che nel soprannaturale erano ed ancora sono immersi costituiscono così il tessuto di una intera vita, vissuta - per usare una espressione dannunziana - in modo inimitabile. Solo che per Giliana l'inimitabilità non è categoria umana ma divina, per cui inimitabili sono Cristo e la Vergine Maria e chi si pone, come lei ha fatto, alla loro sequela, sa bene che il modello resterà sempre adeguabile e mai adeguato, sempre raggiungibile e mai raggiunto.

Per questo dicevo che, se questa biografia non è stata facile da scrivere, ancora più difficile sarà da dimenticare. Soprattutto da parte dell'autore di queste pagine, che ha ricevuto dalla materia narrata nel suo libro un segnale che in qualche modo ha segnato e segnerà probabilmente per sempre la sua esistenza. Ma questo era lo stile di Giliana: presentarsi agli altri in modo silenzioso, quasi dimesso, per poi trasmettere la scintilla capace di illuminare la notte, di orientare la marcia nelle tenebre.

Ci auguriamo che chiunque abbia a leggerla ne tragga la medesima illuminazione che è riverberata sul volto dell'autore. La favola della piccola fiammiferaia ci insegna che, se i cerini sono contati, l'alba è comunque vicina.

 

Laura Crovella